Incontro con Hatice Cioban

uno

 
 
 

La riunione operativa è terminata e il sindaco Kaya si accomiata da noi, ha un incontro urgente. Non ho potuto non rilevare la tensione respiratasi per l’intera durata del meeting. Semra traduce la mia sensazione alla co-sindaca che annuisce sorridendo. “Solo un’ora fa è arrivata la comunicazione dal governo in cui veniva notificata l’esclusione della delegazione del nostro comune al convegno internazionale dell’Unione internazionale delle municipalità e i governi locali che si terrà dal 12 ottobre in Colombia. Hanno cancellato solo la nostra e la delegazione di Dayabarkir. E senza alcuna spiegazione formale nonostante le nostre richieste in merito”.
“Questo è il peggiore periodo sul piano politico, civile e sociale che la Turchia sta vivendo e gli effetti patiti dalla popolazione curda sono ben più gravi. E’ molto triste ammetterlo, ma vista l’evoluzione degli eventi... Sul piano internazionale, tutti sono a conoscenza di quanto sta accadendo. I paesi europei vedono Erdogan divenuto di fatto un dittatore, ma non mettono in atto alcuna iniziativa per fermarlo o contenerlo a causa degli interessi economici in ballo. Ci rendiamo conto di essere soli: pur testimoniando al mondo di quanto sta accadendo, nessuno sembra voler raccogliere la nostra denuncia.
“Se penso al futuro, non posso che provare paura. Grazie alla tecnologia le notizie giungono immediate ad informare il mondo, ma c’è un’inerzia ad intervenire. Sono membro del Partito della pace e della democrazia (BDP) di cui 2.500 esponenti sono attualmente in carcere. Il nostro scopo è sempre stato perseguire una via di azione democratica per il bene comune e lo sviluppo del nostro paese. Ma questa strada è stata sbarrata e il terrore si è insinuato nel nostro quotidiano. Molti comuni nel sud-est della Turchia sono stati commissariati dal governo di Ankara con l’intento di bloccare il percorso di autonomia intrapreso dalle municipalità a maggioranza curda. A Van stiamo resistendo. Ma non so realmente per quanto ancora”.

Hatice Cioban

 


Notizie

 

Roma, il corteo contro la violenza sulle donne «Siamo 200 mila ...

Corriere della Sera  - ‎10 ore fa‎
Gli uomini c'erano, eccome. E non relegati in fondo al corteo — come volevano le femministe più dure — ma in mezzo (magari un po' defilati, per rispetto) alle decine di migliaia di donne che sfilavano contro femminicidio, stalking, abusi di ogni tipo ...
#nonunadi meno, a Roma la manifestazione contro la violenza sulle ...
Violenza sulle donne: testimoni da 4 Paesi