Van-Turchia: la città che resiste a Erdogan

uno

 
 
 

La municipalità di Van rimane una sorta di avamposto di resistenza alla linea dura intrapresa da Erdogan contro l’autonomia amministrativa di comuni e province governati dai rappresentanti dei partiti curdi HDP (partito democratico) e DBP (partito democratico locale): difatti al momento non è stata ancora commissariata dal governo centrale, come invece accaduto alle città curde ai confini con la Siria. A Van la gestione condivisa del ruolo pubblico rimane una realtà che si concretizza dinamicamente, per quanto osteggiata da Ankara in modo sempre più pressante, in moltissimi progetti di sviluppo.

Incontrando i co-sindaci Hatice Cioban e Bekir Kaya (l’unico riconosciuto ufficialmente da Ankara), ho avvertito però molta tensione: “Il pericolo di vederci arrivare gli ispettori di Erdogan e di essere estromessi dall’incarico diviene di giorno in giorno più reale” ha dichiarato la Sig.ra Cioban nel corso dell’incontro avuto presso la sede del Municipio. Confermato, poi, con l’annullamento del viaggio ufficiale che il co-sindaco Kaya avrebbe dovuto compiere in Colombia a partire dal 11 ottobre, nell’ambito della conferenza dell’Unione delle città e dei governi locali. “Da Ankara non hanno fornito alcuna spiegazione” mi ha detto Semra Caglar responsabile del Dipartimento affari internazionali della municipalità. “Hanno semplicemente cancellato le delegazioni di Dayabarkir e di Van”.

Nonostante la situazione, nel corso dei tre giorni trascorsi in loco, siamo stati testimoni dell’enorme e approfondito lavoro che soprattutto nell’ambito della autonomia e indipendenza delle donne viene portato avanti in una invidiabile sinergia tra privato – la cooperativa di donne Bikad-Koop, e pubblico – i vari dipartimenti del comune.

Avrò modo di parlare in maniera più approfondita di questi stimolanti incontri che hanno confermato la vitalità del lavoro svolto in quest’area del mondo. Intanto, colgo l’occasione di ringraziare le cinque incredibili donne che ci hanno guidato nella loro realtà: Necla Bakir, presidente della Bikad-Koop; Sevgi Ozding, dirigente del dipartimento donne; Bircu Yilmez, dirigente del dipartimento economia; Figer Uzen, dirigente del dipartimento educazione, e Semra Caglar.

municipalit di Van 515

 


Notizie

 

Roma, il corteo contro la violenza sulle donne «Siamo 200 mila ...

Corriere della Sera  - ‎10 ore fa‎
Gli uomini c'erano, eccome. E non relegati in fondo al corteo — come volevano le femministe più dure — ma in mezzo (magari un po' defilati, per rispetto) alle decine di migliaia di donne che sfilavano contro femminicidio, stalking, abusi di ogni tipo ...
#nonunadi meno, a Roma la manifestazione contro la violenza sulle ...
Violenza sulle donne: testimoni da 4 Paesi